Background Image

Maria, donna della gioia e della carità di Cristo Gesù

 

Carissimi,
«Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te» (Lc 1,28); queste sono le parole dell’angelo rivolte a Maria. “Rallegrati”, cioè “gioisci” per tutto ciò che Dio ha compiuto e compirà in Cristo Gesù, verbo incarnato per opera dello Spirito Santo.
Maria, amata da Dio, riceve in dono la grazia del Signore e la gioia di servirlo nella carità di Cristo. Pertanto, essendo Maria piena di grazia e di amore di Dio, si deve rallegrare.
Così tutta l’umanità è chiamata a vivere l’amore infinito di Dio donato nel cuore di ciascuno di noi. San Paolo, scrivendo ai cristiani di Efeso, ci dice: «predestinandoci a essere suoi figli adottivi per opera di Gesù Cristo, secondo il beneplacito della sua volontà. E questo a lode e gloria della sua grazia, che ci ha dato nel suo Figlio diletto» (Ef 1,5-6).
È la gioia di Dio che si comunica agli uomini. Pensate che la grazia di cui è stata colmata Maria è il dono più perfetto che possa essere concesso a una creatura. Pertanto, gioire significa lasciarsi penetrare dall’immensità della gioia di Dio che vuole colmare l’esistenza umana e invadere totalmente l’uomo.
È importante tenere presente che la gioia e la grazia di Dio, mediante Maria, entrano nell’umanità: è una gioia che si nutre della fiducia in Dio. Maria è la donna che serve il Signore con gioia e che esercita con gioia la carità di Cristo verso i bisognosi. La carità di Cristo in lei si fa servizio amorevole e attento ai bisognosi. Maria aveva capito che la carità è Dio che prende possesso dell’uomo, lo trasforma, vive e opera in lui e per lui.
L’uomo è fatto per la carità, è fatto per amare Dio e il prossimo. San Giovanni nella sua prima lettera dice: «Carissimi, se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri» (1Gv 4,11). E san Paolo scrive: «Non abbiate alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suo simile ha adempiuto la legge. Infatti il precetto: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare e qualsiasi altro comandamento, si riassume in queste parole: Amerai il prossimo tuo come te stesso. L'amore non fa nessun male al prossimo: pieno compimento della legge è l'amore» (Rm 13,8-10).
Nell’ultima cena il Signore Gesù ci ha dato il suo comandamento dicendo: «Amatevi», poi ha lavato i piedi ai discepoli per insegnarci che la carità è servizio: «Vi ho dato l'esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi» (Gv 13,15). E ancora: «Il Figlio dell'uomo, non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti» (Mt 20,28).
Prendendo esempio da Maria comprendiamo che per essere amati dobbiamo amare; tutto si riceve gratuitamente da Dio in Cristo Gesù nello Spirito Santo per tutto donare, fino a che Dio sia tutto in tutti.

Don Adriano

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Venga il tuo regno

Sintesi dell'incontro del primo venerdì del mese di gennaio 2018 dall’insegnamento di S.E.Mons. Marco Arnolfo, Vescovo di Vercelli.

Leggi tutto...

MENSA DEI POVERI

Via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Distribuzione pasti freddi:
domenica e festivi - mattina (ore 9-12).
Tutto l'anno

Distribuzione pacchi famiglia:
mercoledì pomeriggio dalle 14 alle 16

Mensa preserale calda:
dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 10,30
Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

T 011 979 52 90

Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.

Per partecipare alle celebrazioni a Casanova presiedute da don Adriano, è possibile prenotare il pullman telefonando a Michelina al numero 349.2238712. Partenza da Settimo T.se ore 13,00 – da Piazza Maria Ausiliatrice – Torino ore 13,45.

Dove c’è vero amore di Dio c’è sempre servizio per l’uomo, un servizio, però, fatto con gioia, con umiltà e con tenerezza. 

(Don Adriano)