Background Image

Rimanete nel mio amore

Rimanete nel mio amore (Gv 15,9)


Carissimi,
rimanere nell’amore di Dio è un comando molto forte, ma necessario, che il Signore Gesù mette nel nostro cuore. Noi ci chiediamo: perché? Perché, senza l’amore di Dio in noi la nostra vita sarebbe spenta, vuota, buia, insipida e insignificante.
In merito, Gesù ci dona un brano di Vangelo stupendo che ci fa comprendere il significato profondo e indispensabile per vivere la vita; ascoltiamolo e inseriamolo nel nostro vivere.
«Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli. Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (Gv 15,1-11).
È una parabola di significato veramente profondo e ricco della potenza dell’amore di Dio per noi e per tutta l’umanità. Parte dalla vite, pianta straordinaria che si nutre della linfa preziosa per arricchirla di frutti deliziosi. I suoi grappoli esprimono gioia e festa; ascoltiamo, in merito, ciò che preghiamo con il Salmo 104: «Dalle tue dimore irrighi i monti, con il frutto delle tue opere sazi la terra. Fai crescere il fieno per gli armenti e l'erba al servizio dell'uomo, perché tragga alimento dalla terra: il vino che allieta il cuore dell'uomo; l'olio che fa brillare il suo volto e il pane che sostiene il suo vigore» (Sal 104, 13-15).
Pensate che lo stesso popolo di Israele viene paragonato a una vigna che il Signore ha piantato e coltivato con sollecitudine e con amore; pertanto il salmista così ci fa pregare con il Salmo 79: «Hai divelto una vite dall'Egitto, per trapiantarla hai espulso i popoli. Le hai preparato il terreno, hai affondato le sue radici e hai riempito la terra. La sua ombra copriva le montagne e i suoi rami i più alti cedri. Hai esteso i suoi tralci fino al mare e arrivavano al fiume i suoi germogli» (Sal 79,9-12).  

Auguro a tutti voi e alle vostre famiglie un anno nuovo ricco di grazia del Signore.
Vostro don Adriano

MENSA DEI POVERI

Via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Da oggi 17.03.2020
la MENSA DEI POVERI
di via Belfiore 12
in Torino è riaperta con il seguente orario:

Mensa calda preserale
dalle ore 15,30 alle 17,30

Mensa domenicale e festiva
dalle ore 09,00 alle 11,00

  SCOPRI COME AIUTARE LA MENSA  

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 10,30
Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

T 011 979 52 90

Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.

Per partecipare alle celebrazioni a Casanova presiedute da don Adriano, è possibile prenotare il pullman telefonando a Michelina al numero 349.2238712. Partenza da Settimo T.se ore 13,00 – da Piazza Maria Ausiliatrice – Torino ore 13,45.