Background Image

Associazione "Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione" O.N.L.U.S.



L'11 novembre 1997 il "Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione" si è costituito in Associazione di Volontariato, senza fini di lucro, con sede in Torino, via Bossi 28. Essa è retta da uno Statuto e da norme di Legge in materia di Volontariato.

Scopi e finalità dell’Associazione di Volontariato – O.N.L.U.S.

L’associazione opera senza scopo di lucro, nel rispetto delle norme in materia di volontariato cui alla Legge 11 agosto 1991, n. 266 e ha come finalità, di seguito indicate a titolo esemplificativo e non esaustivo:

a) la lotta contro la povertà e le cause che la determinano, anche attraverso un servizio di mensa per tutti i bisognosi;
b) la promozione umana;
c) l’incontro personale con il prossimo nel suo ambiente di vita, di povertà e sofferenza senza discriminazioni di sesso, razza, età, religione, opinioni politiche;
d) favorire la crescita e l’approfondimento spirituale di quanti desiderano intraprendere un percorso di fede;
e) la beneficenza e l’assistenza sociale, anche in cooperazione con altre organizzazioni, istituti ed associazioni;
f) ogni altra iniziativa di interesse sociale che persegua finalità solidaristiche, ispirandosi ai principi evangelici, avvalendosi in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti.

Il 9 aprile 1999 l’Associazione ha acquisito, ad un’asta giudiziaria presso il Tribunale Fallimentare di Torino l’Antico Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova (Carmagnola, Torino) i cui lavori di ristrutturazione, relativamente ad alcune parti, sono ancora in corso.
Detto Monastero, le cui origini risalgono al secolo XII, è destinato a “Casa di Spiritualità” e, a lavori completamente ultimati, saranno disponibili 130 posti letto per l’accoglienza di quelle persone che desiderano cercare Dio con intensa preghiera individuale, mediante ritiri spirituali, approfondimento della parola di Dio, adorazione eucaristica, canti e lodi.



Dio ama chi serve con gioia

Carissimi volontari e volontarie,
la missione che il Signore ha affidato a voi, a noi tutti nel Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione è meravigliosa! Cerchiamo tutti insieme di donare amore, compassione e attenzione a coloro che non sono amati, che sono emarginati, che hanno fame di giustizia e di comprensione. Pertanto, nel nostro agire, i piccoli, ma preziosi atti di amore, parlano al fratello e alla sorella poveri che soffrono, che si sentono soli, incompresi. Parlano dell’amore che Dio ha per l’uomo, per ogni uomo, per tutta l’umanità.  
Non dimenticate che Dio, fonte di bontà, di tenerezza e di amore ha messo, in Cristo Gesù nello Spirito Santo, davvero tanto amore nelle mani di tutti noi.
Quindi la nostra azione è quella di portare Gesù nella vita, nel cuore di tutte quelle persone che si trovano nell’indigenza, nella sofferenza morale, spirituale e fisica.  
La gioia di servire il Signore nei poveri, ma anche quella di servirci reciprocamente, deve diventare una rete d’amore di Dio che testimonia che Dio è amore, che Dio è carità, che Dio è bontà infinita.  
I volontari nel Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione, pieni di gioia, dono dello Spirito Santo, devono predicare anche senza predica, ma solo ed esclusivamente con la vita: una vita spesa per amore.  
Ma appunto perché siamo e vogliamo essere colmi della gioia del Signore, chi ci incontra non può che essere illuminato dalla luce di Gesù che possediamo come Suo dono se ci impegniamo sempre di più ad amare come Lui ci ama senza mai stancarci. Nel Vangelo leggiamo che la gente chiedeva a Gesù: “Tu chi sei?”. Le persone del nostro tempo, di oggi, pongono la stessa domanda: “Gesù chi è?”.  
Anche i discepoli di Giovanni andarono a chiedere a Gesù: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?” (Lc 7, 20b). Gesù rispose loro così: “I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia” (Lc 7, 22).  
Noi vogliamo fare lo stesso. Col nostro servizio caritatevole vogliamo rendere Gesù presente nel mondo d’oggi e proclamiamo che Gesù è il Messia, il Salvatore, il Verbo incarnato, il Signore, ed è in mezzo a noi.  
Carissimi e tanto amati dal mio cuore sacerdotale, non commettiamo l’errore di pensare che la fame sia solo di pane. “C’è oggi una fame più grande - ci dice stupendamente madre Teresa di Calcutta - è quella di essere amati, essere voluti, essere accettati, essere curati, essere qualcuno”.  
Chiediamo a Gesù, con la preghiera, un cuore che ami come lui ama, servire come lui ha servito, perdonare come lui ha perdonato, sorridere come lui ha sorriso; un bicchiere d’acqua dato con l’amore al prossimo l’abbiamo dato a Gesù!  
Tutto questo è l’amore di Dio che opera anche oggi nel cuore del mondo.
Pertanto, carissimi, Dio vuole ancora amare e sempre amare l’uomo attraverso di noi, attraverso di me e di te, usando il mio e il tuo cuore, le mie e le tue braccia, le tue e le nostre mani; solo così l’amore, la carità di Cristo è in azione e rimane in azione perché la carità di Dio non viene mai meno.  
Il tuo cuore ami sempre, come il cuore di Dio sempre ama e solo ama.  
Maria, Madre della Chiesa, delle nostre famiglie, dei poveri, dei deboli, del Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione ci accompagni nel percorrere questo cammino così bello, luminoso, irradiando ovunque un raggio dell’amore di Dio.  

Don Adriano
Torino, 26-07-2011



11 novembre 2007 | 10° anniversario dell'Associazione

MENSA DEI POVERI

Via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Distribuzione pasti freddi:
domenica e festivi - mattina (ore 9-12).
Tutto l'anno

Distribuzione pacchi famiglia:
mercoledì pomeriggio dalle 14 alle 16

Mensa preserale calda:
dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 10,30
Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

T 011 979 52 90

Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.